Passa ai contenuti principali

Riaprire le pagine internet che si stavano visitando se Chrome o il PC crashano

Riaprire le pagine internet che si stavano visitando se Chrome o il PC crashano

Se durante la navigazione internet con Chrome il browser si chiude in seguito a qualche problema improvviso oppure il computer va in crash, le pagine web che si stavano visitando andranno perse, ovvero quando si riavvierà il browser verrà caricata soltanto la pagina iniziale.

Per poter aprire le pagine visitate è vero, basta servirsi della cronologia e cliccare una alla volta quelle di proprio interesse. Metodo che però si rivela scomodo nel caso in cui si dovessero ripristinare diverse schede internet.

Se si vuole evitare una situazione di questo tipo, in via preventiva allora sarebbe bene installare su Chrome l’estensione Session Buddy che in automatico salva le sessioni Chrome in maniera tale da poter riaprire insieme con un solo clic le pagine internet che si stavano visualizzando subito prima della chiusura accidentale del browser o dello spegnimento improvviso del PC.

Session Buddy è facile da usare, fa tutto autonomamente. Ovvero una volta installato memorizza le schede aperte per ogni sessione del browser. Dunque nel caso in cui Chrome o il PC crashano, basterà riavviare il browser e fare clic sull’icona di Session Buddy che verrà visualizzata accanto alla barra degli indirizzi (sotto in figura):

Session Buddy icona

A seguire verrà visualizzata la finestra di gestione sessioni dell’estensione:

Session Buddy

Quelle automaticamente salvate sono mostrate in lista nella colonna a sinistra evidenziata in verde sotto la categoria Current Session (sessione corrente) e Previous Session (sessioni precedenti). Ordinate per data e ora, in base a tali dati non si deve fare altro che individuare e cliccare quella di proprio interesse. A centro pagina verranno così mostrate le pagine internet in essa comprese avviabili singolarmente con un clic sul link desiderato. Invece per riaprirle subito insieme in una nuova finestra di Chrome cliccare il pulsante evidenziato in giallo, oppure cliccare il pulsante evidenziato in fucsia e nel menu fare clic sulla voce Restore to this windows per aprirle nella stessa finestra Chrome che si sta adoperando.

Con Session Buddy cliccando il pulsante evidenziato in rosso è anche possibile salvare con nome una sessione di più pagine web per poterla archiviare meglio e riaprire in un secondo momento quando occorre (esempio sotto in figura):

Session Buddy salvare una sessione internet con nome

La sessione salvata verrà aggiunta e sarà reperibile nella colonna a sinistra sotto la categoria Saved Sessions.

Invece cliccando il pulsante evidenziato in blu è possibile creare sessioni personalizzate incollando manualmente i link delle pagine internet di proprio interesse (esempio sotto in figura):

Session Buddy creare sessioni internet personalizzate

Tali sessioni saranno disponibili sempre nella colonna a sinistra sotto la categoria Saved Sessions. In questo modo con Session Buddy non solo si potranno ripristinare le pagine web chiuse in seguito a un crash di Chrome o del computer, ma si potranno creare e salvare anche sessioni internet personalizzate da avviare quando si deve svolgere un compito specifico, ad esempio una ricerca scolastica per la quale creare preventivamente una sessione che apre con un solo clic Wikipedia o altre enciclopedie online e in generale tutti quei siti che potrebbero tornare utili per il lavoro da svolgere.

Download Session Buddy

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…