Passa ai contenuti principali

Vedere gli ultimi programmi usati su Windows con UserAssistView

Vedere gli ultimi programmi usati su Windows con UserAssistView

Riuscire a sapere quali sono stati gli ultimi programmi usati sul computer potrebbe tornare utile in diverse occasioni. Ad esempio per verificare se il proprio figlio stava effettivamente scrivendo una ricerca al PC oppure se ha accantonato lo studio per giocare con qualche videogame.

O ancora meglio se la persona alla quale si è prestato il nostro computer ha installato qualche programma spia nel computer, ad esempio un keylogger. Per chi ancora non lo sapesse i keylogger software sono dei programmi che registrano e memorizzano di nascosto in un file di log tutta l’attività che viene svolta al PC: quello che si è scritto con la tastiera, siti visitati e via dicendo, informazioni sensibili che potrebbero poi essere usate a discapito della vittima.

Per togliersi ogni dubbio ecco allora che si rivela decisamente utile in tal senso l’applicazione gratuita UserAssistView con la quale è possibile vedere la lista di tutti gli ultimi programmi eseguiti su Windows ordinandoli per data di utilizzo. I sistemi operativi Windows infatti nel registro di sistema in corrispondenza della chiave UserAssist memorizzano le informazioni sui file .exe (gli eseguibili dei software) che si aprono di frequente. Tali informazioni sono però criptate ma UserAssistView in maniera automatica è in grado di decifrarle e visualizzarle in elenco.

Facile da usare, non richiede neanche installazione, tutto quello che c’è da fare è lanciare l’applicazione UserAssistView che in automatico nella sua interfaccia grafica mostrerà gli ultimi programmi che sono stati usati sul sistema operativo (come nell’esempio sotto in figura):

UserAssistView

Nella prima colonna a sinistra, Item Name, vengono elencati i programmi usati che sono quelli che finiscono con l’estensione .exe (eseguibile) e .lnk (l’icona di collegamento all’eseguibile .exe, ad esempio le icone che ci sono sul Desktop per avviare i corrispondenti programmi). Per riordinare la lista dei software in base alla più recente data di utilizzo, fare clic sulla colonna Modified Time evidenziata in verde. Insieme alla data verrà mostrata anche l’ora.

Per verificare se è stato installato un keylogger, nella colonna Item Name si può scorrere l’elenco e vedere se c’è qualche programma che porta un nome simile a keylogger.exe. In tal caso se ci fosse basterà disinstallarlo dal PC e scongiurare così il pericolo di essere spiati. Nel caso in cui nella lista ci si dovesse trovare davanti al nome di un programma che non si conosce, la cosa migliore da fare è di effettuare una ricerca su Google in maniera tale da ottenere maggiori informazioni in merito.

Compatibile con Windows: 2000, 2003, XP, Vista e 7

Dimensione: 36 KB

Download UserAssistView

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Scaricare video da ogni sito internet – Migliori programmi gratis per farlo

Scaricare video da internet è un’operazione ormai comune a tutti. La maggior parte degli utenti ha imparato bene come fare il download dei filmatidalla rete.

Ma la tendenza per la stragrande maggioranza degli utenti è quella di scaricare video sempre dagli stessi siti, tendenza in parte dovuta alla loro popolarità, al tanto materiale disponibile e alle varie risorse gratis sviluppate appositamente per fare il download da quei siti.

Però bisogna ricordare che oltre ai soliti noti, internet brulica di tanti altri portali video ricchi di contenuti di vario tipo e genere. L’unico problema potrebbe essere quello di non sapere come fare a scaricare i video nel PC anche da questi siti, magari perché non esistono estensioni dedicate o software appositi.

A tale proposito sotto a seguire andiamo dunque a vedere una lista dei migliori programmi gratis per scaricare video praticamente da ogni sito internet, anche da quelli dove normalmente è impossibile farlo.

1. aTube Catcher
Ne avevamo parlato de…

Ingrandire testo su Windows 10 1809 di menu, icone, barre del titolo ecc con la funzione integrata

Con Windows 10 October 2018 Update Microsoft ha finalmente reintegrato la funzione nativa per aumentare la dimensione del testo delle icone, menu, barre del titolo ecc del sistema operativo.

Infatti, non si sa per quale motivo, a partire dall'aggiornamento Windows 10 Creators Update Microsoft aveva rimosso tale caratteristica costringendo l'utente a rivolgersi a soluzioni di terze parti come i validi, gratuiti e già recensiti Winaero TweakerSystem Font Size Changer.

Adesso senza servirsi di software esterni, per regolare la dimensione del testo del SO, ci si deve portare in menu Start > Impostazioni > Accessibilità > Schermo e qui come nell'esempio sotto in figura:
nella sezione "Ingrandisci testo" si dovrà trascinare verso destra il cursore dell'opzione "Trascina il dispositivo di scorrimento fino a quando il testo di esempio è facile da leggere".

Si parte dalla percentuale predefinita del 100% con la possibilità di raggiungere il massi…

Chrome 70: disponibile l'opzione per impedire l'accesso a Chrome quando si fa il login a un servizio Google

Fra le tante novità introdotte da Google in Chrome 69, c'è stata anche una caratteristica abbastanza discussa la quale faceva si che venisse automaticamente effettuato l'accesso al browser non appena ci si autenticava su un qualsiasi servizio di Google.

Ad esempio eseguendo l'accesso a Gmail per controllare la casella di posta elettronica, in automatico veniva effettuato anche l'accesso a Chrome.

La critica mossa a Google è che l'accesso a Chrome deve essere effettuato a sola discrezione dell'utente indipendentemente dal login ad altri servizi dell'azienda; anche perché l'accesso forzato potrebbe magari dare luogo a dinamiche che hanno a che fare con il rispetto delle norme sulla privacy e sincronizzazioni non volute (anche se Google ha smentito ciò).

Se in questa guida abbiamo visto come bloccare tale accesso forzato, è bene sapere che da poche ore Google ha rilasciato Chrome 70, versione nella quale ha introdotto l'opzione per disattivare l'ac…