Impedire l'aggiornamento Windows 10 Fall Creators Update rinviandolo

Come sospendere e rinviare l'aggiornamento Windows 10 Fall Creators Update sulle edizioni Home, Pro, Enterprise e Education

Fra meno di una settimana, il 17 Ottobre, Microsoft rilascerà ufficialmente la quarta versione di Windows 10 con l'aggiornamento Fall Creators Update.

Come le altre precedenti versioni, Windows 10 Fall Creators Update si potrà ottenere dal sito di Microsoft attraverso il Media Creation Tool, oppure direttamente come aggiornamento in Windows Update.

Ma qualora si preferisse non aggiornare subito a Windows 10 Fall Creators Update bensì attendere una settimana o più prima di installarlo sul PC magari per essere certi, in base al feedback di chi ha già effettuato l'upgrade, che non comporta alcuna problematica e/o imprevisto, è bene sapere che è possibile rinviare l'aggiornamento. Vediamo come.

Rinviare Fall Creators Update su Windows 10 Pro, Enterprise e Education
Su queste edizioni di Windows 10 Creators Update è possibile rinviare l'aggiornamento a Fall Creators Update sfruttando l'apposita opzione introdotta da Microsoft.
Windows 10 Impostazioni Sospendere aggiornamenti funzionalità
Più nello specifico ci si deve portare in Start > Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Opzioni avanzate e qui come nell'esempio sopra in figura si avrà ora la possibilità di specificare per quanti giorni sospendere gli aggiornamenti delle funzionalità (sono quelli che comportano l'aggiornamento a Fall Creators Update) tenendo in considerazione che potranno essere rimandati fino a un massimo di 365 giorni.

NOTA: In questa schermata è anche possibile rinviare gli aggiornamenti qualitativi di sicurezza fino a massimo 30 giorni ma dato che niente hanno a che fare con Fall Creators Update lasciarli così come sono.

In alternativa più sotto c'è l'opzione "Sospendi aggiornamenti" la quale una volta attivata provvederà a sospendere ogni tipologia di aggiornamento per una settimana dal momento in cui si avrà impostato tale opzione su "Attivato".
Tenere in considerazione che scaduto il tempo di sospensione, per poter nuovamente sospendere gli aggiornamenti sarà prima necessario installare i Windows update più recenti.


All'occorrenza chi preferisce può rinviare gli aggiornamenti su Windows 10 Pro, Enterprise e Education agendo in alternativa dall'Editor Criteri di gruppo locali al quale si accede aprendo il menu Start, qui digitando gpedit.msc e premendo poi il tasto "Invio" per aprirlo.

All'interno dell'editor portarsi in Configurazione computer > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > Windows Update > Rinvia gli aggiornamenti di Windows > Seleziona il momento per la ricezione degli aggiornamenti delle funzionalità e qui come nell'esempio sotto in figura:
Windows 10 Editor Criteri di gruppo locali opzione per sospandere aggiornamenti funzionalità
dopo aver settato l'impostazione su "Attivata", più sotto nel riquadro "Opzioni" sarà possibile indicare il numero di giorni di cui ritardare la ricezione degli aggiornamenti delle funzionalità (anche qui per un massimo di 365 giorni). Confermare le modifiche cliccando i pulsanti Applica e OK.

Rinviare Fall Creators Update su Windows 10 Home
Il discorso cambia su Windows 10 Home in quanto questa edizione è sprovvista sia dell'Editor Criteri di gruppo locali che dell'opzione avanzata per la sospensione degli aggiornamenti.
Windows 10 Impostazioni Connessione a consumo
Dunque in Windows 10 Home l'unico modo per rinviare l'aggiornamento a Fall Creators Update è di attivare la modalità Connessione a consumo in maniera tale che il sistema operativo non scarichi automaticamente alcun aggiornamento per evitare di influire negativamente sulla larghezza di banda sia che il PC sia connesso a internet via WiFi o via Ethernet.

Per attivare la connessione a consumo ci si deve portare in Start > Impostazioni > Rete e Internet > Stato > Modifica proprietà di connessione e come nell'esempio sopra in figura settare su "Attivato" l'interruttore dell'opzione "Connessione a consumo".

LEGGI ANCHE: Come ridurre il consumo traffico dati su Windows 10

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati