Usare il vecchio cellulare Android per videosorveglianza

Alfred - Camera di sicurezza domestica per Android è un'app che trasforma il vecchio smartphone in una videocamera di sorveglianza

Se si sta prendendo in considerazione di creare un circuito di videosorveglianza senza però voler spendere per l'acquisto di apposite videocamere, a livello domestico si potrebbe allora prendere in considerazione di utilizzare i vecchi cellulari Android come videocamere di sorveglianza.

Tutti in casa hanno infatti conservato in qualche cassetto uno o più "vecchi" smartphone Android ormai non adatti ai requisiti hardware e software necessari attualmente e dunque tenuti li in disparte a prendere polvere inutilmente.

Ma il vecchio cellulare può tornare nuovamente utile se si va a installare l'applicazione Alfred - Camera di sicurezza domestica che sfruttando la sua fotocamera integrata lo trasforma in una videocamera di sorveglianza capace di rilevare il movimento e di avvisare l'utente in merito attraverso le notifiche.

Fotocamera che potrà essere monitorata da remoto in ogni momento via internet da un altro smartphone Android (quello nuovo che si utilizza attualmente) attraverso la medesima applicazione, oppure attraverso il browser web Firefox dal PC. L'unico requisito richiesto è che il cellulare di videosorveglianza sia connesso a internet (magari al router WiFi di casa). Vediamo come procedere.

1. Sul cellulare vecchio da usare come videosorveglianza e sullo smartphone nuovo da usare per il monitoraggio installare l'applicazione Alfred - Camera di sicurezza domestica (in questa guida viene presa in considerazione la versione gratuita dell'app).

2. Avviando l'app la prima volta, quando viene richiesto è necessario effettuare l'accesso con il proprio account Google in maniera tale che tramite esso i due dispositivi possono comunicare fra loro.
App Android Alfred accesso account Google e configurazione cellulare
NOTA: Tenere in considerazione che è possibile usare più cellulari Android come videocamera di sorveglianza, installando l'app Alfred - Camera di sicurezza domestica ed effettuando l'accesso con il proprio account Google.

3. Infine non resta che impostare come "Telecamera" il vecchio cellulare destinato a fare la videocamera di sorveglianza, e impostare come "Osservatore" il nuovo smartphone da usare per il monitoraggio del primo.

Finito. Sullo smartphone osservatore è già possibile controllare (tramite connessione internet dati o WiFi) lo smartphone telecamera avviando l'applicazione Alfred - Camera di sicurezza domestica e qui nella pagina iniziale toccando l'immagine di anteprima della telecamera.
App Android Alfred strumenti videocamera sorveglianza
Quando verrà visualizzata in diretta la ripresa della telecamera, sotto al video vengono messi a disposizione alcuni comandi come il pulsante del microfono per inviare audio allo smartphone telecamera (la propria voce verrà trasmessa dal telefono osservatore al telefono telecamera), il pulsante videocamera per registrare brevi filmati da 30 secondi per volta di quello che sta riprendendo la telecamera, il pulsante per cambiare orientamento/rotazione della telecamera, il pulsante per passare dalla fotocamera posteriore a quella anteriore, il pulsante per accendere il flash LED del cellulare telecamera, e infine il pulsante per attivare la modalità di visualizzazione notturna.
App Android Alfred gestione videocamera sorveglianza
Tornando alla Home di Alfred - Camera di sicurezza domestica e nell'antepriima della telecamera toccando il pulsante dell'ingranaggio si accede alle impostazioni di gestione della telecamera, fra queste molto utili si rivelano:
  • Rilevamento del movimento che una volta attivato non appena davanti alla telecamera verranno rilevati dei movimenti, l'applicaizone registrerà brevi video automaticamente e sempre in automatico (se sono attivate le altre due impostazioni "Avvisi Rilevazione di Movimento" e "Eventi di Movimento") invierà al telefono osservatore le notifiche di avviso con in allegato la registrazione effettuata.
  • Eventi Dispositivo che al cellulare osservatore inviano notifiche circa problemi di connessione, livello della batteria basso (al quale si può supplire collegando il cellulare telecamera direttamente alla rete elettrica), eventi schermo e di memorizzazione.
Per quanto riguarda lo smartphone telecamera, anche qui ci sono alcune impostazioni (alle quali si accede toccando il pulsante dei tre pallini in verticale) che torna utile conoscere.
App Android Alfred impostazioni videocamera sorveglianza
Come la possibilità di usare la telecamera posteriore o anteriore come predefinita, attivare/disattivare il rilevamento audio, l'autofocus e abilitare l'esecuzione automatica dell'app quando il telefono viene riavviato.

Sul cellulare telecamera per risparmiare sul consumo della batteria è possibile spegnere lo schermo toccando il pulsante "OK" visualizzato in basso al display, ma non toccando il pulsante di accensione oppure il tasto Home in quanto potrebbero bloccare la videocamera e il WiFi.

Se invece si ha intenzione di controllare il cellulare telecamera dal computer, allora ci si deve portare sul browser Mozilla Firefox all'indirizzo http://alfred.computer ed effettuare l'accesso con il proprio account Google (il medesimo utilizzato sull'app Android del cellulare telecamera) per accedere alla videocamera di sorveglianza.

LEGGI ANCHE: Programmi PC gratis per sorvegliare con webcam e IP camera

2 commenti

pieno di pubblicità invadente ossessiva inutile che farebbe innervosire anche um panda. Poi non si riesce in nessun modo a chiuderlo, se non agendo con metodi estremi. Meglio usare Allcast di cui già avete parlato in passato; è vero che purtroppo è limitato al range di azione del wifi, ma almeno non ti fa impazzire

Rispondi

A parer mio non sono così invasive le pubblicità, e comunque in un'app come questa ci stanno considerando che è fatta bene; e mai dimenticare che è la pubblicità che permette a noi di servirci gratis di app, programmi, siti web ecc che altrimenti sarebbero a pagamento.

Mai parlato di AllCast e comunque non centra niente con la videosorveglianza ma solo a inviare contenuti multimediali alla TV.

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati