Chrome più veloce in caricamento all'avvio con un'estensione

Velocizzare Chrome alla riapertura della sessione precedente disattivando il caricamento automatico di tutte le schede aperte, caricando solo quella in primo piano

Chi nelle impostazioni ha configurato Chrome affinché all'avvio apra nuovamente le schede/pagine internet che erano aperte nella precedente sessione (Menu > Impostazioni > All'avvio > Continua da dove eri rimasto), avrà probabilmente notato quanto le performance del browser cadano verso il basso durante questa fase.

Ciò è dovuto al fatto che a differenza di altri browser web come ad esempio Firefox, alla riapertura della sessione, Chrome non si limita a caricare solo la pagina internet della scheda aperta in primo piano bensì allo stesso tempo carica tutte le pagine web di tutte le schede aperte in quel momento.
Tutto questo si traduce nel rallentamento dello stesso browser e di un consumo elevato di memoria RAM da parte di Chrome.

Se ci si riconosce in tale situazione allora potrebbe tornare risolutiva l'estensione Native Lazy Tabs che al ripristino della sessione di Chrome farà in modo che il browser carichi soltanto la pagina internet della scheda in primo piano senza intervenire sulle altre che di fatto verranno caricate solo quando le si andrà ad aprirle manualmente.

Il miglioramento apportato da Native Lazy Tabs lo si può constatare anche dando uno sguardo al Task Manager di Chrome (che si apre da Menu > Altri strumenti) prima e dopo l'installazione dell'estensione, come nell'esempio sotto in figura:
Task Manager Chrome prima e dopo estensione Native Lazy Tabs
Come si avrà modo di notare, per impostazione predefinita Chrome carica automaticamente (in processi) tutte le pagine della relative schede internet aperte nella precedente sessione gravando non poco sulla memoria RAM e sul processore e di conseguenza sulle sue stesse prestazioni.

Invece con installata l'estensione Native Lazy Tabs, alla riapertura della precedente sessione la situazione cambia totalmente. Ovvero, come già detto, Chrome caricherà soltanto la pagina internet della scheda aperta in primo piano lasciando le altre a "riposo". In questo modo la riapertura della sessione precedente è pressoché istantanea e il browser inciderà meno sulla memoria RAM e sulla CPU.

Si ricorda che per ridurre i troppi processi Chrome in esecuzione può tornare utile anche il componente aggiuntivo Extension Automation.

LEGGI ANCHE: Come risolvere crash di Google Chrome dovuti a Shockwave Flash plugin

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati