Misurare la velocità delle unità di memoria in lettura e scrittura

Misurare la velocità in lettura e scrittura di chiavetta USB, hard disk esterno e interno, SSD con CCSIO Benchmark

Se si sta prendendo in considerazione di cambiare la chiavetta USB, hard disk o SSD con una nuova unità più veloce in lettura e scrittura dei dati, allora è prima necessario conoscere le prestazioni delle vecchie unità da sostituire.

Per tale scopo è necessario effettuare una misurazione apposita utilizzando specifici programmi come ad esempio il portable CCSIO Benchmark sviluppato dalla svizzera Pipemetrics, con il quale in un solo clic è possibile avviare il test dell'unità di memoria per sapere indicativamente la sua velocità in scrittura e lettura dei dati.

Il programma utilizza differenti test (170 in lettura e 114 in scrittura) per trovare i picchi più alti possibili riguardo le due velocità dell'unità di memorizzazione. Più nello specifico i test vengono eseguiti con una diversa combinazione di dimensione del buffer ovvero la memoria di transito (8K, 16K, 32K, 64K, 128K, 256K, 512K, 1M, 2M, 4M, 8M, 16M), differente buffer count (1, 2, 4, 8, 16) e differente modalità IO (senza buffer, senza buffer sequenziale, con buffer sequenziale).
CCSIO Benchmark interfaccia grafica
Facile da usare, essendo un portable non richiede installazione, dunque una volta avviato CCSIO Benchmark, nella sezione "Test location" in alto all'interfaccia è necessario espandere il menu a tendina e indicare la lettera dell'unità di memoria collegata al PC che si desidera misurare ed ecco che CCSIO Benchmark subito dopo mostrerà alcune informazioni circa quell'unità quali il tipo di file system, volume, nome e modello del dispositivo, il controller e il sistema operativo del computer sul quale si sta per eseguire il test.

Dunque non resta che spostarsi in basso nella sezione "CCSIO Benchmark" e cliccare il pulsante "Start" per avviare la misurazione.

Misurazione che come detto prima è comprensiva di circa 170 test per decretare la massima velocità di lettura e 114 per quella in scrittura. Ad ogni modo a prescindere dalla dimensione dell'unità di memoria la misurazione non dovrebbe prendere più di 5 o al massimo 10 minuti di tempo.

Al termine ecco che nei due grafici "Read speed" e "Write speed" rispettivamente verrà riportata la massima velocità di lettura e scrittura misurata da CCSIO Benchmark per quella unità di memoria.

Qualora si volessero ottenere ulteriori dettagli circa i test effettuati si può cliccare il link "Show raw data" per visualizzare i dati raw. Ancora, cliccando la freccetta visualizzata nell'angolo in basso a destra dell'interfaccia grafica e nel menu contestuale che comparirà, cliccando "View report" verrà visualizzato il rapporto dettagliato della misurazione il quale potrà essere salvato come file di testo TXT cliccando nel menu l'opzione "Save report as".

Compatibile con Windows: Vista e successivi | Dimensione: 210 KB | Download CCSIO Benchmark

LEGGI ANCHE: Comprare chiavetta USB, caratteristiche da prendere in considerazione

4 commenti

1)Cosa ne pensi di Crystal Disk Mark? Cioè cosa cambia rispetto a questo? è il più popolare mi meraviglio tu l'abbia escluso.

2)La velocità della ram può limitare il risultato del benchmark?

Rispondi

Grazie Vinnie, ho potuto testare il mio ultimo acquisto, una chiavetta Samsung 3.0 drive fit (quando inserita resta fuori solo un "bottoncino" bianco).
Risultato, 87 MBps in scrittura e 170 MBps in lettura, anche meglio dei 130 dichiarati dalla casa.
Poi ci ho montato Android X86 versione 6 (marshmallow), è veloce come se fosse su un buon telefono :)

Rispondi

Non l'ho escluso, era una recensione per il programma CCSIO Benchmark. Comunque siamo allo stesso livello di Crystal Disk Mark anche se CCSIO Benchmark esegue più test. Ad ogni modo si possono usare entrambi e poi fare la media delle misurazioni delle velocità in lettura e scrittura rilevate da entrambi.

Per quanto riguarda la RAM è probabile che in qualche modo possa incidere ma non credo in maniera rilevante. Più che altro incide parecchio il collegamento USB sulla velocità effettiva dell'unità, ad esempio se si collega una chiavetta USB 3.0 a una porta USB 2.0 le velocità saranno limitate rispetto a quelle che in realtà è in grado di raggiungere l'unità con un collegamento 3.0 in toto; altri limiti in tal senso sono porte e unità USB difettose, danneggiate, e CPU occupata in eccesso da altri programmi in esecuzione.

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati