Opera Neon il nuovo browser internet diverso da tutti gli altri

Opera Neon è un nuovo browser internet diverso da tutti gli altri con caratteristiche mai viste

L'azienda norvegese Opera ha recentemente sviluppato Opera Neon ovvero un nuovo concetto di browser internet, diverso da tutti quelli conosciuti fino a ora che potrebbe essere visto come un'anticipazione possibile del futuro della navigazione sul web.

Seppur basato sul codice sorgente Chromium, Opera Neon poco e niente ha a che vedere con gli odierni browser internet in quanto progettato da zero e concepito in maniera completamente differente.

Ciò si nota subito dal primo avvio dove lo sfondo del desktop sarà anche quello di Opera Neon dando un'illusione di trasparenza (da questo indirizzo è possibile scaricare due sfondi ispirati a Opera Neon creati dall'artista grafico Luke Choice).
Opera Neon schermata iniziale
Nessuna pagina iniziale bensì una omnibar che funge sia da barra degli indirizzi internet che da motore di ricerca, dunque nella quale digitare i link o le parole chiave per aprire le pagine web di proprio interesse. Sotto essa le icone dei siti preferiti e di quelli più visitati che è possibile gestire per spostarli di posizione oppure per eliminare quelli indesiderati.

Nessuna barra delle schede in quanto su Opera Neon le pagine internet aperte verranno collocate verticalmente nel lato destro della finestra del browser ognuna con la usa icona personale per individuare, richiamare e ridurre rapidamente quelle di proprio interesse. Trascinando e rilasciando queste icone nella parte centrale della schermata iniziale di Opera Neon sarà possibile aggiungerle ai preferiti del browser.

Sul lato destro sono poi disponibili cinque pulsanti. Partendo dall'alto il pulsante "+" serve per tornare alla omnibar in ogni momento per fare ricerche sul web e/o digitare un nuovo indirizzo internet.

Subito sotto segue il pulsante multimedia (sotto in figura) nel quale vengono visualizzati i contenuti audio e video in riproduzione sulle pagine internet aperte.
Opera Neon player video popup
Per quanto riguarda i video da questa sezione è possibile attivare l'opzione player popup per riprodurre il filmato (anche se la rispettiva pagina internet è ridotta a icona) in un player separato galleggiante che può essere posizionato e ridimensionato come più si preferisce.

Segue poi il pulsante per catturare gli snapshot, ovvero una volta cliccato questo tasto e poi tenendo premuto il tasto sinistro del mouse sarà possibile tracciare sulla pagina web una sezione da catturare come immagine istantanea, la quale sarà poi accessibile nell'apposita galleria delle catture effettuate che si richiama cliccando il pulsante sottostante quello dello snapshot.

Chiude il pulsante "Download" con il quale si possono vedere i file che si è scaricato e aprire la cartella nella quale sono stati salvati sul computer.

Infine nel lato in basso a sinistra della finestra del browser è presente il tasto "Menu" da dove è possibile aprire una nuova finestra di navigazione anche in modalità in incognito, aprire la cronologia di navigazione e dei download, usare il tool per  cancellarei dati di navigazione e il tool per aprire il Task Manager integrato, e il link "Settings" per accedere alle impostazioni del browser dove all'occorrenza tra le altre cose si potrà cambiare il motore di ricerca predefinito della omnibar, le pagine da aprire all'avvio di Opera Neon, importare dati da altri browser installati sul computer, cambiare cartella dei download e via dicendo.

Seppur Opera Neon sia un browser internet sperimentale (che non rimpiazza l'attuale Opera in quanto si tratta di due progetti separati) si può comunque già usare come programma predefinito per navigare sul web (c'è l'opzione apposita nelle impostazioni) su computer Windows e Mac qualora le sue caratteristiche non convenzionali vi abbiano catturato.

Compatibile con: Windows, Mac | Dimensione: 2.32 MB | Download Opera Neon

LEGGI ANCHE: Vivaldi browser la migliore alternativa a Google Chrome

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati