Aggiornare gratis a Windows 10 dopo il 29 Luglio 2016

Un trucco per aggiornare gratis a Windows 10 anche dopo il 29 Luglio 2016 da Windows 7 o 8.1

Microsoft di recente ha confermato che dopo il 29 Luglio 2016 per aggiornare Windows 7 o Windows 8.1 a Windows 10 si dovrà pagare: 119 dollari per versione Home e 199 dollari per la versione Pro.

Infatti il prossimo 29 Luglio Windows 10 compirà esattamente un anno e in tale data ,salvo eventuali ripensamenti dell'ultima ora, avrà termine l'offerta (lanciata lo scorso 29 Luglio 2015) che consente a qualsiasi utente con in possesso una copia genuina di Windows 7 o Windows 8.1 di fare l'aggiornamento gratis al nuovo sistema operativo di Microsoft.

Dunque se si fa parte del gruppo di indecisi il consiglio è di prendere una decisione entro e non oltre tale scadenza se non si vuole spendere niente per passare a Windows 10.

Oppure se si è intenzionati a passare a Windows 10 ma non entro i prossimi mesi, si può mettere in atto l'escamotage che andremo ora a vedere con il quale è possibile riservarsi una licenza valida per aggiornare a Windows 10 anche dopo il 29 Luglio 2016.

Più nello specifico quando si fa l'aggiornamento a Windows 10 da Windows 7 o Windows 8.1, la copia di Windows 10 in questione viene attivata non tramite il classico product key bensì tramite il nuovo sistema di attivazione automatico chiamato "diritto digitale" (digital entitlement) che si lega in maniera univoca all'hardware del computer facendo si che quella copia di Windows 10 su quel computer risulti essere sempre valida/genuina cosa che a sua volta permette di attivare automaticamente Windows 10 tutte le volte che si desidera anche dopo una resinstallazione pulita da zero.

Grazie a questa logica chiunque entro il 29 Luglio 2016 può quindi aggiornare il proprio Windows 7 o Windows 8.1 a Windows 10 per poi tornare nuovamente subito dopo a Windows 7 o 8.1 (facendo il downgrade) ma con la possibilità però di poter passare gratis a Windows 10 in ogni momento anche dopo il 29 Luglio 2016 in quanto con la sua precedente installazione su quel PC ci si è aggiudicati legittimamente il diritto digitale di attivazione che come detto prima è legato all'hardware del computer in uso.

I requisiti principali per far si che tutto ciò funzioni sono:
  • Avere installato sul PC una copia genuina di Windows 7 SP1 o di Windows 8.1 con Update 1;
  • Aggiornare Windows 7 o 8.1 a Windows 10 prima del 29 Luglio 2016;
  • Non sostituire la scheda madre del computer in quanto l'attivazione di Windows 10 tramite diritto digitale è legata a tale componente hardware, di conseguenza l'attivazione di Windows 10 non andrebbe a buon fine.
AGGIORNAMENTO DEL 02/08/16: Si ricorda che fino a che Microsoft non la ritirerà è ancora possibile aggiornare gratis a Windows 10 (anche se non lo si è fatto prima del 29 Luglio 2016) dalla pagina di download dedicata a chi fa uso di tecnologie assistive come meglio spiegato in questo articolo dedicato.
Come aggiornare il computer a Windows 10 e poi tornare nuovamente a Windows 7 o Windows 8.1?
NOTA: Anche se aggiornando Windows 7 e 8.1 a Windows 10 verranno conservati tutti i file personali, programmi e applicazioni, prima di procedere è consigliabile creare su un'unità di memoria esterna un'immagine di sistema, oppure clonare l'hard disk (in tal senso possono tornare utili WinToHDD o Macrium Reflect) o almeno fare il backup dei file più importanti in maniera tale che se malauguratamente qualcosa dovesse andare storto si possa comunque tornare indietro.

Oppure si può prendere in considerazione di utilizzare il programma gratis EaseUS System GoBack sviluppato appositamente per creare su hard disk esterno una copia di backup dell'intero sistema operativo Windows 7 o 8.1 prima di aggiornare a Windows 10 in maniera tale che poi all'occorrenza tramite questo programma si possa tornare facilmente da Windows 10 a Windows 7 o 8.1.

LEGGI ANCHE: Cose da sapere prima di aggiornare a Windows 10

Procedimento
1. Scaricare il tool o l'immagine ISO di installazione/aggiornamento a Windows 10 e seguire questa guida per procedere direttamente con l'aggiornamento oppure per creare il supporto di installazione.

2. Una volta installato Windows 10, collegare il computer a internet (nel caso in cui non fosse connesso) in maniera tale che il sistema operativo venga attivato (ci vuole qualche minuto). Per verificare se Windows 10 è stato correttamente attivato con diritto digitale portarsi in Start > Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Attivazione e come nell'esempio sotto in figura:
Vedere attivazione di Windows 10
assicurarsi che nel campo "Attivazione" vi sia la notifica "Windows è attivato" e che nel campo "Codice Product Key" vi sia la notifica "Windows 10 in questo dispositivo è attivato con un diritto digitale".

3. Una volta accertata la corretta attivazione di Windows 10 tramite diritto digitale si è pronti per tornare a Windows 7 o Windows 8.1. Per fare ciò come spiegato nell'articolo Come tornare a Windows 7 o 8 da Windows 10 dopo l'aggiornamento si può agire in due modi.

Primo metodo - Andare in Start > Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Ripristino e qui nella sezione "Torna a Windows 8.1 / 7" cliccare il pulsante "Per iniziare" e seguire la procedura guidata per procedere con il downgrade alla precedente versione di Windows che c'era installata.

Secondo metodo - Con il programma gratis EaseUS System GoBack sopra indicato. Ovvero installare EaseUS System GoBack su Windows 10 e una volta avviato questa volta cliccare il pulsante "Go Back" per avviare il downgrade di Windows 10 per tornare alla precedente versione di Windows installata della quale lo stesso programma aveva creato e salvato la copia di backup.

Finito. Tornati a Windows 7 o 8.1 adesso si avrà la possibilità di passare in ogni momento a Windows 10 anche dopo il 29 Luglio 2016 semplicemente usando il tool o l'immagine ISO di aggiornamento/installazione e senza preoccuparsi dell'attivazione in quanto quest'ultima essendo sotto forma di diritto digitale verrà effettuata automaticamente al termine dell'installazione qualche minuto dopo aver connesso il computer a internet.

10 commenti

Ah, non mi importa: finchè non esce "Windows 9", non aggiorno niente ! :D

Rispondi

ho eseguito il dannato aggiornamento, visto che era inevitabile farlo prima del 29.ma non riesco a trovare il comando di ibernazione che c'era con 7
É possibile tornare al look precedente (Win7?), c'è solo la sospensione?
E dove è finito l'eseguibile di free cell che stavo usando

Rispondi

Per l'ibernazione leggi qui:

http://www.guidami.info/2016/03/aggiungere-ibernazione-in-windows-10.html

Per i giochi Windows 7 leggi qui:

http://www.guidami.info/2015/12/come-avere-i-giochi-di-windows-7-e-pinball-su-windows-10.html

Leggi anche questo articolo:

http://www.guidami.info/2015/06/cose-da-sapere-prima-di-aggiornare-a-windows-10.html

Rispondi

Grazie mille,
Sono stato, una vita fa, betatester di win95 ed ho sempre insistito da allora, con diversi scribacchini di SW, di fornire istruzioni facili da comprendere e seguire.
Ne ho trovati pochi disposti a darmi retta.
Queste istruzioni sono state puntualissime, facili da seguire, ed efficienti.Ancora grazie

Rispondi

Figurati, lieto di esserti stato utile ;)

Rispondi

Che pasticcio!
Ho seguito passo passo la procedura di upgrading a Win10. E per qualche giorno è andato tutto bene, poi...
Ho cercato di creare un utente (Natale) e tutto sembra andato bene
(procedimento: clic destro su "Computer", sceso a "gestione", compare la finestra "gestione computer">clic su "Utenti e gruppi locali" > doppio clic su "utenti" > sul quadro "Utenti" trovo solo (come deve essere) "Administrator" e "giovanni"> clic destro nell'area > "nuovo utente" finestra da compilare.
Natale (user)
Utente creato
Poi cerco di creare l'utente "Guest" quello che ha ben pochi privilegi.
Rifiuto totale.

cerco di infilarlo, ma dopo aver girato un po' desisto
----
Non so a memoria cosa posso aver toccato, ma credo di aver fatto la procedura che a suo tempo ho fatto per win7, ma qui non funziona.
E qui cominciano le rogne.
torno indietro e mi occupo di altro, gestisco la posta (Insisto a voler tenere Office 2003 OEM pro ultima release, che a me va tanto ben, incluso Outlook, che mi sta antipatico ma che mi permette di cancellare gli allegati dei messaggi spediti senza cancellare i messaggi stessi (annoto sempre nel messaggio cosa c'è nell'allegato), contenendo i volumi.
Poi cominciano ad arrivarmi messaggi pop: Aggiorna questo, aggiorna quello con le versioni per win 10.
Apro Chrome e mi ritrovo i messaggi di spam.
Ve ben diamogli retta, comincia con AVG e AD-Block.
Sorpresa! arriva il POPUP "accesso negato" cerco di indagare ma arriva l'altro popup "Errore di rete" etc. con i pulsanti "esegui diagnosi" e "annulla", ma schiacchiando "Esegui diagnosi", esce il messaggio "Errore durante la risoluzione dei problemi".
Non basta. cerco di andare su "gestione" e mi arriva il messaggio che mi nega l'accesso per mancanza di privilegi.
cerco di aprire C:\ e mi viene negato l'accesso.
Serie di manovre varie, incluso il tentativo di invocare la modalità provvisoria, tutto inutile (ovviamente Win10 non va più in modalità provvisoria restartando da F8).
Disperato, con l'aiuto telefonico di un amico (in vacanza) riesco ad accedere a "ritorna alla versione precedente di Windows".
Faccio partire la procedura e , visto che so già che sarà lunga, dopo una decina di minuti in cui continua a rimanere la schermata con i pallini che girano in cerchio (Le mie pure ma non si vedevano sullo schermo), con la scritta;"Sto riavviando", vado a dormire.
Al mattino dopo la schermata è sempre lì - macchina inchiodata -
a questo punto incrocio le dita e spengo di brutto.
Riaccendo dopo aver contato fino a venti e... miracolo! sono tornato a win7...
Troppo presto per gioire.
Anche qui non ho più i privilegi di admin
posso solo fare qualche manovra come leggere la posta, Chrome si è autoreinstallato, ma quando gli dico di reinstallare AVG e Spybot solita solfa: Accesso negato etc.
Idea: Partiamo con F8.
Ci riesco.
Arrivo a gestire gli utenti tolgo la spunta di "Disabilitato" ad administrator e restarto.
Compare la login dell'utente "Administrator" entro come lui, creo un utente "Giuan" per prudenza cancello Giovanni restarto e ricreo Giovanni restarto e giovanni ha tutti i privilegi di prima ed anche i riconoscimenti vari nelle varie login.
Finito? NOOOOO!!!
Adesso mi arriva il messaggio che mi dice come il mio PC abbia un'installazione non autentica.
Mi sono stampata con PDF la finestra di "computer"+right click etc.
Ho anche i jpg delle finestre, dovrei accluderlo ma non ho ancora guardato come fare.

É una grana nota?
Ci sono rimedi?
Giovanni

Rispondi

Uhm, potrebbero essere tante le cause: file di sistema mancanti, danneggiati,registro di sistema danneggiato e/o chiavi mancanti ecc ecc.

Fai dal prompt un sfc /scannow ne avevo parlato qui:

http://www.guidami.info/2016/04/soluzione-menu-start-windows-10-non-funziona.html

Se non va neanche così, ripristina il sistema operativo dal disco di installazione.

Se ancora non risolvi chiedi direttamente a Microsoft:

http://answers.microsoft.com/it-it

Rispondi

Risolto.
Era uno dei fottuti aggiornamenti (mi cospargo il capo di cenere, ma non ho memorizzato la sigla) girando nei vari blog che ne parlano, su uno americano viene fuori che è un errore noto.
"Disinstalla quello e vedrai"
E così è stato
Comunque il sistema è un po' più instabile di prima.
AVG rogna e non sa decidersi a installarsi tutto.
AAAHHHH se quel tizio IBM non avesse avuto l'amichetta a NY!
Almeno dieci anno persi!
Vabbè siam nella bagna, aspettiamo che salga e impariamo a nuotare

Rispondi

L'importante è che hai risolto ;)

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati