Novità dell'aggiornamento di Windows 10 di Novembre 2015

Tutte le novità dell'aggiornamento di Windows 10 di Novembre

Microsoft, come da annuncio, ha pubblicamente rilasciato tramite Windows Update il tanto atteso primo grande aggiornamento di Windows 10.

Se infatti si va in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update e si avvia la ricerca di nuovi aggiornamenti si avrà modo di notare la disponibilità dell'update di Novembre 2015: "Aggiorna a Windows 10, versione 1511, 10586". In alternativa in questo articolo abbiamo già visto come scaricare la ISO e/o il Media Creation Tool di Windows 10 con Update di Novembre già incluso.

Installando questo aggiornamento a Windows 10 verranno aggiunte nuove funzionalità e apportati piccoli ma anche significativi miglioramenti (sulla base dei feedback inviati dagli utenti "Insider") che rendono questo nuovo sistema operativo più performante e funzionale rispetto alla prima versione.

Ovviamente l'aggiornamento è gratis e possono procedere all'upgrade tutti coloro che già hanno installato Windows 10 sul computer ma anche, entro Luglio 2016, tutti gli utenti Windows 7 SP1 e 8.1 Update. Occorre solo armarsi di tanta pazienza in quanto tra download, preparazione e installazione dell'aggiornamento potrebbero volerci anche più di 2 ore.

A seguire andiamo a vedere tutte le maggiori novità introdotte da Microsoft in Windows 10 con il November Update.

Più veloce
Windows 10 con il November Update è ora più veloce. Nello specifico in avvio questo sistema operativo risulta essere il 30% più veloce rispetto a Windows 7. Inoltre Microsoft ha introdotto anche una nuova caratteristica che in automatico va a comprimere la memoria RAM in uso per garantire migliori permormance del sistema.

Menu Start
A livello di aspetto grafico il menu Start di Windows 10 è pressoché lo stesso, ma ad ogni modo è stato interessato da alcune novità, vediamo quali.

1. Andando in Impostazioni > Personalizzazione > Start è possibile abilitare la nuova opzione "Mostra più riquadri" per aggiungere una nuova colonna nel menu che in questo modo potrà ora contenere non più 3, bensì 4 colonne dove sistemare i riquadri delle applicazioni.

2. Nel menu Start inoltre di tanto in tanto verranno visualizzate (pubblicizzate) delle app suggerite da installare, caratteristica che se non gradita si può disattivare andando in Impostazioni > Personalizzazione > Start e qui disabilitando l'opzione "Mostra occasionalmente suggerimenti in Start".

3. È stato risolto anche il bug della prima versione di Windows 10 che in Start non permetteva di visualizzare più di 512 collegamenti; adesso il menu Start supporta ben 2048 collegamenti.

4. Rinnovato l'aspetto grafico dei menu contestuali nel menu Start (ma anche nella barra delle applicazioni di Windows), che adesso si presentano con uno sfondo nero e le voci bianche, arricchiti poi di nuove opzioni per interagire meglio e ulteriormente con i programmi, le app e i vari collegamenti.

LEGGI ANCHE: Come usare il menu Start di Windows 10

Barra del titolo delle finestre colorate
Windows 10 Update barra titolo finestre colorata
Se nella prima versione di Windows 10 si doveva ricorrere a questo trucco, adesso con l'update di Novembre Microsoft ha introdotto di default l'opzione per mettere il colore alla barra del titolo delle finestre. Per ottenere questo effetto portarsi in Impostazioni > Personalizzazione > Colori e qui attivare l'opzione "Mostra il colore in Start, sulla barra delle applicazioni, nel centro notifiche e nella barra del titolo".

Product key e attivazione di Windows 10
Windows 10 Update Cambia product key
Come già annunciato in questo articolo dedicato, adesso è possibile attivare Windows 10 con il product key di una precedente versione di Windows 7 o 8.1, caratteristica che tornerà soprattutto utile nel caso in cui si debba installare da zero il sistema operativo in quanto tale novità permetterà di ovviare alla tortuosa procedura di dover aggiornare prima da Windows 7 o 8.1.

Nella schermata "Attivazione" adesso in corrispondenza di "Product key" viene anche visualizzata la modalità in cui è stato attivato Windows su quel computer: con product key oppure con diritto digitale.

LEGGI ANCHE: Attivazione di Windows 10, quando serve il product key?

Trova il mio dispositivo
Windows 10 Update Trova il mio dispositivo
Trova il mio dispositivo è una nuova e utilissima funzione introdotta in Windows 10 con l'aggiornamento di Novembre.

Grazie a Trova il mio dispositivo, una volta attivato (da Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Trova il mio dispositivo) sarà possibile rintracciare e localizzare su mappa geografica il proprio computer o altro device Windows 10 perso o rubato agendo dalla pagina web account.microsoft.com/device.

Per far si che la localizzazione abbia luogo è ovviamente necessario disporre di un'account Microsoft e che sul dispositivo sia attivato il rilevamento della posizione (opzione raggiungibile e gestibile da Impostazioni > Privacy > Posizione).

Microsoft Edge
Anteprima schede Microsoft Edge Windows 10 Update
Anche il nuovo browser internet Microsoft Edge, esclusiva di Windows 10, è stato interessato dall'aggiornamento di Novembre con migliorie a livello di prestazioni e sicurezza. Ma non solo.

Più nello specifico adesso quando si posa il puntatore del mouse sulla barra del titolo di una scheda internet aperta ma non in primo piano, subito sotto a essa verrà visualizzata l'anteprima del suo contenuto così da poter individuare al volo quella che si sta cercando senza dover cliccare tutte le schede aperte come invece si farebbe normalmente.

Ma la grande novità di Microsoft Edge è la nuova funzione "Trasmetti elementi multimediali a dispositivo" (si trova sotto il menu) che permette di trasmettere la scheda internet in questione ad altri dispositivi sulla stessa rete internet WiFi come la Chromecast di Google e Miracast.

Ancora, Microsoft Edge adesso permette la sincronizzazione di Preferiti e Elenco lettura su più dispositivi così da ritrovare i contenuti messi da parte su qualsiasi device con installato Windows 10.

LEGGI ANCHE: Funzioni Microsoft Edge da conoscere in Windows 10

Cortana
Anche l'assistente vocale di Windows 10 è stato interessato da importanti novità. Adesso infatti Cortana funziona anche quando si accede a Windows con un account locale, dunque non soltanto con l'account Microsoft.

LEGGI ANCHE: Accedere a Windows 10 con account locale non Microsoft

Inoltre Cortana ora su i dispositivi touchscreen, è in grado di riconoscere la scrittura a mano libera (al momento questa caratteristica è disponibile solo negli USA). Ancora, l'assistente vocale adesso può tenere traccia delle prenotazioni di eventi per ricordarle in tempo con un promemoria (comprese prenotazioni su Uber, ma in questo caso solo negli USA al momento).

Stampante predefinita
Se su i precedenti sistemi operativi era necessario indicare manualmente la stampante da usare, adesso con l'aggiornamento di Novembre, Windows 10 per la prossima stampa impiegherà automaticamente come predefinita la stampante utilizzata l'ultima volta.

Nel caso in cui si preferisse servirsi del vecchio metodo, o comunque disattivare questa nuova feature, basterà portarsi in Impostazioni > Dispositivi > Stampanti e scanner e qui disabilitare la nuova opzione "Quando l'opzioone è attivata, la stampante predefinita è l'ultima stampante usata".

Schermata di blocco e di accesso
Se nella prima versioni di Windows 10 la schermata di accesso all'account utente visualizzava obbligatoriamente l'immagine dello sfondo del Desktop, adesso se si preferisce, con il nuovo aggiornamento è possibile impiegare una tinta unita portandosi in Impostazioni > Personalizzazione > Schermata di blocco e qui disattivando l'opzione "Mostra l'immagine di sfondo di Windows nella schermata di accesso".

Nella schermata di blocco, come "Sfondo" adesso è invece possibile impostare i "Contenuti in evidenza di Windows", ovvero nella schermata di blocco verranno mostrate immagini di Bing e l'utente potrà esprimere il suo parare a riguardo (Mi piace oppure Non mi piace) in maniera tale che nel tempo in base al feedback rilasciato, come sfondi della schermata di blocco vengano proposte fotografie che meglio soddisfano i gusti personali dell'utente.

Posizioni di salvataggio
Windows 10 Update Posizioni di salvataggio
Con il November Update di Windows 10 ora è possibile cambiare la destinazione di salvataggio predefinita delle applicaizoni, documenti, musica, immagini e video.

Ovvero se nella precedente versione di Windows 10 questi contenuti vengono salvati automaticamente nel disco locale, adesso dopo aver collegato una chiavetta USB o hard disk esterno o ancora una scheda SD, sarà possibile cambiare la destinazione di salvataggio di default su queste periferiche.

Per gestire le posizioni di salvataggio portarsi in Impostazioni > Sistema > Archiviazione > Posizioni di salvataggio.

Skype
Anche Skype è stato interessato da importanti novità. Più nello specifico adesso si suddivide in tre applicazioni: Skype Video, Messaggi e Telefono rispettivamente per videochiamare, messaggiare (solo chat testuale) e telefonare (solo voce).

Ad ogni modo se si preferisce utilizzare il classico Skype è sempre possibile installarlo separatamente in versione Desktop senza influire con la nuova versione del November Update.

Miglioramenti nella Modalità tablet
Nella modalità tablet di Windows 10 November Update ricompaiono alcune funzionalità di Windows 8 assenti nella prima relase di Windows 10,  come ad esempio "Snap" per ancorare le app ai bordi e sostituirle l'una con l'altra previa trascinamento; la possibilità di chiudere le app spingendole verso il basso dello schermo e infine quando ci sono due app e/o finestre affiancate,andando a regolare la dimensione di una di queste, la dimensione dell'altra si adatterà automaticamente alla spazio disponibile rimasto sullo schermo.

LEGGI ANCHE: Cose da sapere prima di aggiornare a Windows 10

3 commenti

Praticamente stiamo diventando schiavi di windows:
mezza giornata per l'aggiornamento e altra mezza giornata per le varie sistemazioni.
Per chi sa farlo, potrebbe andar bene....se non lavora (facile in questa nostra italietta).
E chi non capisce nulla di sistemi operativi?
andrà da..."UNO che capisce" a gratis?
andrà da un tecnico a pagamento?
o subirà e resterà schiavo di windows 10, a vita?

Rispondi

Ma no, è più semplice di quanto possa sembrare. Una volta scaricato quando si avvia l'installazione dell'aggiornamento tutto viene svolto in automatico, l'utente non deve fare niente oltre che aspettare che termini la procedura. Nel frattempo dato che ci vuole tempo, uno può andare a lavoro, fare commissioni, andare dalla nonna e quando torna a casa si ritroverà Windows 10 pronto con installato il nuovo update.

Diversamente chi ha difficoltà anche qui, dovrà per forza di cose rivolgersi a un parente o amico più portato. Ma di difficile questa volta c'è davvero niente.

Rispondi

Qualcuno sa se Sony ha predisposto una aggiornamento dei suoi Vaio visto che qualche mese fa asconsigliava di passare a Windows 10?

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati