Scoprire quali app hanno accesso alle nostre informazioni personali su PC, Android e iOS

Con MyPermissions è possibile vedere le autorizzazioni concesse ad app e servizi di accedere alle nostre informazioni personali su PC, Android e iPhone

Come si avrà probabilmente avuto modo di notare, per poter utilizzare un'applicazione o un servizio web in alcuni casi viene richiesta l'autorizzazione da tale app o servizio ad accedere al nostro account che a seconda dei casi può essere quello Google, Facebook, Twitter o altro con il quale si è al momento autenticati.

La maggior parte delle volte i servizi e le app che vogliono collegarsi al nostro account chiedendo il nostro consenso, mostrano le informazioni alle quali essi potranno poi accedere, mentre in altri casi questo dettaglio potrebbe venire meno. Comunque sia è molto plausibile che con il tempo si abbia concesso l'autorizzazione a tante app e servizi ad accedere alle informazioni personali dei nostri account e di averle poi dimenticate perché utilizzate raramente se non una volta sola.

In tal caso potrebbe allora tornare utile MyPermissions, ovvero un sito web ma anche un addon per i browser internet Chrome, Firefox, Internet Explorer 9+, Safari e un app gratis per cellulari e tablet Android e Apple iOS, con il quale è possibile scoprire a quali applicazioni e servizi si è concessa l'autorizzazione di accedere alle nostre informazioni personali e a quali. Allo stesso tempo all'occorrenza sarà anche possibile revocare tali autorizzazioni e/o eliminare tali app e servizi dal proprio account facendo così un po' di pulizia. Molto probabilmente si resterà sorpresi dal numero di autorizzazioni che si è concesso.

MyPermissions addon per il browser internet
Per quanto riguarda la versione componente aggiuntivo per il browser, con MyPermissions sarà possibile vedere a quali app e servizi si è dato il consenso di accedere alle informazioni personali dei propri account quali Facebook, Google, Twitter, Dropbox, Instagram, Yahoo, Linkedin, Foursquare, Microsoft, AOL e Flickr. Il tutto in modo semplice e veloce.

Dopo aver installato l'addon sul browser, per avviare la scansione si dovrà fare un clic sull'icona di MyPermissions che verrà aggiunta alla barra degli addon. Dopo qualche secondo MyPermissions mostrerà i pulsanti con i logo dei siti supportati, dunque cliccare quello che si desidera verificare in tal senso. A seguire verrà aperta la pagina di login a quel sito dalla quale occorre autenticarsi in maniera tale che MyPermissions possa poi rilevare e mostrare le app e i servizi che si è autorizzato su quell'account (come nell'esempio sotto in figura):
Per ogni app/servizio autorizzato, cliccando il corrispondente pulsante "Edit" o basandosi sulle icone di stato sarà possibile vedere a quali informazioni personali dell'account hanno accesso. Nel caso in cui si volesse eliminare una o più di queste app/servizi basterà indicarle tramite apposita casella di selezione e a seguire cliccare il pulsante "Remove n° Apps" e confermare.
N.B. In alcuni casi le app/servizi autorizzati invece che in MyPermissions potrebbero venire visualizzate direttamente sull'apposita pagina delle autorizzazioni del sito che si è scansionato.

MyPermissions applicazione per smartphone e tablet Android e iOS
Per quanto riguarda l'applicazione MyPermissions (Online Privacy Shield) per cellulari e tablet Android e Apple iOS, il discorso si fa ancora più interessante in quanto oltre che a vedere e gestire a quali app/servizi si è concessa l'autorizzazione di accedere alle informazioni personali dei nostri account, sarà possibile vedere in maniera semplice e rapida le informazioni personali alle quali hanno accesso le applicazioni installate sul proprio smartphone o tablet (come nell'esempio sotto in figura su Android):
Avviato MyPermissions (è necessario che il cellulare o tablet sia connesso a internet, possibilmente in WiFi) cliccare il pulsante "SCAN NOW" per avviare la scansione del dispositivo. Dopo qualche manciata di secondi verranno così mostrati i risultati della scansione nei quali verrà riportato il numero e la lista delle app che hanno accesso alle nostre informazioni personali quali: nome, posizione geografica, contatti e email, file e immagini e altre ancora.

Toccando una delle app in lista, nella scheda dei dettagli che verrà visualizzata si potranno vedere le informazioni personali alle quali essa ha accesso e nel caso in cui non si è daccordo in tal senso, la si potrà disinstallare direttamente con MyPermissions toccando il pulsante "REVOKE".

Download MyPermissions per Android | Download MyPermissions per iOS

LEGGI ANCHE: Sapere quali siti e applicazioni hanno accesso al nostro account Google

6 commenti

questo vale anche se le app non sono connesse al web? vengono a sapere anche dati privati come nome e cognome o l'indirizzo di casa?vale per tutte le app?Grazie

Rispondi

Se non si connette il cellulare al web (però non avrebbe senso avere uno smartphone senza internet) si può stare relativamente sicuri perché le eventuali app truffaldine non potrebbero trasmettere i dati dell'utente. Comunque su Google Play le app sono per la stragrande maggioranza sicure, ed è normale che alcune app hanno bisogno di accedere a info personali come nome, provenienza ecc altrimenti non avrebbero modo di svolgere il loro compito, vedi le app dei social network quelle per i servizi di localizzazione e via dicendo.

Rispondi

non ho capito se prendono le info dalla sim del telefono o dalla posta eletronica,grazie per la risposta.

Rispondi

Dipende dall'app. Ci sono app che per funzionare non hanno bisogno di reperire alcuna informazione personale e ce ne sono altre che invece ne hanno bisogno, ad esempio Whats App deve accedere ai contatti in rubrica della SIM e del telefono per poter consentire all'utente di comunicare con qei contatti; Maps, navigatori satellitari e simili devono sapere la tua posizione geografica per svolgere il loro lavoro e tanti esempi ancora.

Non interpretare queste autorizzazioni come qualcosa di pericoloso/dannoso. L'accesso a queste info è fondamentale per il corretto funzionamento delle app e la stragrande maggioranza delle volte non c'è niente di malevolo in tutto ciò. Poi quando scarichi un app da Google Play prima di fare il download e installarla hai anche la possibilità di vedere a quali info l'app può accedere e in base a ciò decidere se metterla o meno.

Rispondi

GRAZIE MILLE per la tua disponibiltà e per le tue utili e dettagliate informazioni.Buon lavoro.

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati