Come migliorare il segnale WiFi per avere più copertura della rete

Alcuni consigli per migliorare il segnale WiFi del router ed estendere la copertura a tutta la casa

Rispetto a qualche anno fa ormai tutti o quasi dispongono in casa o in ufficio di un router WiFi grazie al quale è possibile collegarsi alla rete senza fili per accedere a internet con il computer, smartphone e tablet e per comunicare con altri dispositivi via wireless.

In alcuni casi però il segnale WiFi emesso dal router non sempre riesce a coprire bene tutta l'area della casa o dell'ufficio e ad arrivare in tutte le stanze. Di conseguenza ci si potrebbe ritrovare alcune zone dell'appartamento scoperte o nelle quali il WiFi arriva molto debole ostacolando la connessione se non addirittura impedendola.
Ma prima di gettare la spugna o di valutare l'acquisto di un nuovo router più potente, si possono tentare alcuni stratagemmi per migliorare il segnale WiFi ed avere così maggiore copertura. A seguire andiamo a vedere come intervenire in tal senso.

1. Posizionare il router WiFi al centro della casa
Tenendo in considerazione che le onde radio WiFi si propagano in tutte le direzioni a 360 gradi, per ricevere meglio il segnale in tutte le stanze è bene posizionare il router al centro della casa in maniera tale da avere una copertura omogenea evitando così zone più coperte rispetto ad altre.
Inoltre è altamente preferibile sistemare il router in una zona libera il più possibile da ostacoli come muri, porte e mobili ad esempio, fra le altre, causa della riduzione del segnale.

2. Scegliere il miglior canale WiFi in zona
Nonostante il fatto che i router WiFi possono lavorare su 13 canali, da impostazioni predefinite sono però impostati per sfruttare solamente i soliti canali, l'1, il 6 o l'11. Di conseguenza è molto probabile che tutti i router WiFi della nostra zona (quelli dei vicini di casa, dei palazzi adiacenti e servizi commerciali) stiano utilizzando lo stesso canale sul quale sta lavorando anche il nostro router.

Più dispositivi usano uno specifico canale più quest'ultimo risulterà essere congestionato con conseguenti cali delle prestazioni che l'utente riscontrerà in lentezza di navigazione e della connessione se non addirittura in altri casi impossibilità nel connettersi.
Però dato che agendo dalle impostazioni tutti i router WiFi consentono di cambiare canale WiFi, per ottenere le massime prestazioni da quest'ultimo, con appositi programmi gratis è possibile scansionare le reti in zona per scoprire il canale WiFi meno utilizzato e quindi da preferire per ottenere migliori performance dalla rete. A tale proposito leggere l'articolo dedicato: Come trovare il miglior canale WiFi in zona per la propria rete.

3. Usare un riflettore per aumentare il segnale WiFi
Alcuni metalli come l'alluminio ad esempio se applicati a dovere all'antenna del router possono essere usati come riflettore del segnale WiFi così da convogliarlo o comunque direzionarlo maggiormente in una zona specifica della casa (quella con bassa copertura).
Su internet si trovano svariate guide per riflettere il segnale WiFi con vele di cartone da rivestire in alluminio e applicare all'antenna del router come ad esempio Windsurfer o direttamente utilizzando una comune lattina di bibite.

Tenere in considerazione che la vela in alluminio utilizzata per convogliare il segnale WiFi in una specifica direzione, allo stesso tempo nel suo lato opposto scherma il segnale WiFi; di conseguenza se si ha necessità di collegare altri dispositivi provenienti da lato schermato è bene rimuovere prima la vela per evitare ricezione scarsa o nulla del segnale WiFi.

4. Usare un access point o un ripetitore WiFi
Nel caso in cui non si è riusciti a migliorare la situazione allora si può prendere in considerazione di acquistare (anche su internet per pochi euro, anche meno di 25 euro) un access point o un ripetitore di WiFi così da estendere la copertura del router in tutta la casa. Ci sono vari tipi di ripetitori e access point da collegare al router principale tramite cavo Ethernet, o da collegare alla presa elettrica per poi comunicare con il router WiFi senza cavi ma via wireless appunto.

5. Aggiornare il firmware del router WiFi
C'è anche da tenere in considerazione che alcune problematiche si possono risolvere semplicemente aggiornando il firmware del router, quando è possibile e quando il produttore ha rilasciato eventuali aggiornamenti, in quanto con il nuovo update è probabile che certi problemi noti siano stati risolti. Per verificare la presenza di aggiornamenti basta accedere al sito del produttore e ricercare per il modello del proprio router.

Per sicurezza prima di procedere con l'aggiornamento del firmware è bene fare un backup della configurazione attuale in maniera tale che se qualcosa andasse storto lo si possa ripristinare allo stato precedente. Ogni modello di router ha la sua procedura di backup, quindi una ricerca su Google tornerà utile per vedere come fare.

LEGGI ANCHE: Perché connettersi a una rete WiFi pubblica può essere pericoloso

2 commenti

Bella soluzione, la lattina per andare col wi-fi... a tutta birra ! :-)
Bisogna però ricordarsi di girarla o toglierla, se si collega un altro dispositivo ;-)

Rispondi

Vero, perché lo stesso alluminio è si in grado di ridirezionare il segnale, ma allo stesso tempo lo scherma dal lato opposto. Aggiungo l'appunto all'articolo ;)

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati