Trucco per creare password facili da ricordare su ogni servizio

Un trucco per creare password facili da ricordare anche se diverse fra loro e difficili, combinando i propri gusti personali

Per poter usare la stragrande maggioranza dei servizi internet è necessario creare un account con indirizzo email e password di accesso.
Oggi più che mai la maggior parte degli utenti si ritrova perciò ad avere a che fare con svariati account ad esempio quello di Facebook, Twitter, Google+, Dropbox, della casella o caselle di posta elettronica e via dicendo, per ognuno dei quali per forza di cose dovrà ricordare la password per potervici accedere.

Dato che usare password semplici e scontate non ha per niente senso dal punto di vista della sicurezza (nonostante ciò secondo alcune recenti statistiche in tanti utilizzano ancora password come "pippo", "123456", "qwerty") è necessario crearne di più complesse, e in tal senso quando gli account iniziano ad essere troppi, ricordarle tutte può rivelarsi difficile. Ecco perché per evitare di dimenticarle c'è chi si serve di appositi Password Manager (metodo attualmente più sicuro), chi le memorizza sul browser (poco sicuro se non si è i soli ad utilizzare il PC) e chi le annotta sull'agenda (altrettanto violabile).
In realtà ci sarebbe un metodo decisamente più semplice (che ho letto su Focus ma non ricordo in quale numero) per creare password sicure e diverse per ogni account ma comunque impossibili da dimenticare, dunque senza aver bisogno di servirsi di alcun Password Manager, della memoria del browser o dell'agenda.

In pratica per creare questa tipologia di password è necessario tenere in considerazione e a mente solo due cose preferite: come il nome o cognome del proprio attore preferito e il proprio numero preferito, ad esempio "Pacino" e "33".

Ora nel caso in cui si sta creando un account Facebook, come password facile da ricordare basterà scrivere "Pacino33" seguita dalle prime quattro lettere del servizio internet sul quale si sta creando l'account, quindi "face" nel caso di Facebook. In questo modo la password diverrà "Pacino33face" (senza le virgolette). Se si sta creando un account Twitter la password sarà "Pacino33twit", su Gmail "Pacino33Gmai", su Dropbox "Pacino33drop" e così via.

Volendo è anche possibile rendere la password ancora più complessa separando le quattro lettere del nome del servizio con uno spazio o con un più, un trattino o altro simbolo ancora. Oppure il nome dell'attore preferito può essere scritto tutto in maiuscolo invece che minuscolo, oppure in maiuscolo solo la prima e l'ultima lettera del cognome. Insomma largo spazio alla propria fantasia.

Ad ogni modo al posto dell'attore e numero preferito ognuno può usare altri preferiti, ad esempio una pietanza, un animale, un oggetto, una macchina e via dicendo. Ovviamente si presuppone che la scelta della combinazione che si andrà ad utilizzare si rifaccia a vere cose preferite delle quali è impossibile scordarsi, altrimenti il tutto non avrebbe senso.

Se avete altre idee scrivetele pure lasciando un commento qui in fondo alla pagina.

6 commenti

Senza aver letto nulla al riguardo io uso lo stesso sistema.
Ho una serie iniziale fissa, sempre uguale (tipo 3K15TC5) con tutte lettere maiuscole mischiate a numeri, cui faccio seguire il nome del sito solo consonanti e solo minuscole (Hotmail diventa html, yahoo diventa yh ecc).
In questo modo sono tutte simili, tutte facili da ricordare ma tutte diverse.

Rispondi

Interessante, grazie della condivisione ;)

Rispondi

Pessimo suggerimento, usate un programma per memorizzare password " KeePass"

Rispondi

Pessimo proprio non direi. A mio parere è un metodo astuto per fare a meno dei gestori di password e tenere tutto al sicuro nella propria testa senza scriverlo da nessun'altra parte.

Rispondi

A parte della risposta di prima, complimenti per il vostro sito, trovo degli ottimi programmi consigliati... con dei post molto importanti.
Tutto Ok

Rispondi

La risposta di prima non voleva essere una critica in alcun modo, anzi rispetto a pieno la tua opinione e la condivido anche, però il metodo descritto non riesco proprio a definirlo pessimo ma tutt'altro. Sei il benvenuto ;)

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati