Protezione da malware e phishing su internet con Bitdefender TrafficLight (addon)

Nonostante i moderni programmi antivirus siano progettati anche per proteggere il computer in tempo reale mentre si sta navigando internet mostrando notifiche o bloccando automaticamente pagine e siti web pericolosi o infetti sui quali si è incappati, ad ogni modo è sempre bene non abbassare la guardia in quanto l’antivirus non è infallibile al 100%.

Preso atto di ciò si potrebbe dunque prendere in considerazione di aumentare la guardia quando si naviga sulla rete analizzando il livello di sicurezza dei link e corrispondenti pagine internet sospette prima di aprirle così da evitare poi spiacevoli conseguenze. Per fare ciò abbiamo già visto una serie di risorse gratuite apposite nell’articolo: Come sapere se un sito è sicuro oppure se contiene malware e come difendersi.

Bitdefender TrafficLight è un’altra risorsa free che può tornare utile in tal senso. Nello specifico è un componente aggiuntivo per i browser internet Chrome, Firefox e Safari che ha la funzione di proteggere il computer durante la navigazione sul web (anche sui social network) da malware e phishing. Più nel dettaglio le principali caratteristiche di questo componente aggiuntivo sono:

  • Filtro malware avanzato
  • Protezione contro gli attacchi di phishing
  • Identificatore di trackers
  • Scansione dei link anche su Facebook e Twitter

Bitdefender TrafficLight scansiona in tempo reale le pagine internet visitate compresi anche i link delle pagine Facebook e Twitter (senza rallentare il browser in quanto i motori di scansione risiedono sul cloud) al fine di individuare preventivamente la presenza di contenuti malevoli, appunto malware e tentativi di phishing. In questo caso la pagina web compromessa verrà automaticamente bloccata dal componente aggiuntivo così da evitare possibili infezioni e/o truffe; l’utente riceverà una notifica sullo schermo in tal senso:

Bitdefender TrafficLight malware individuato

Ad ogni modo se si ritiene che quel sito non è infetto, si può visitare comunque la pagina (a proprio rischio e pericolo) cliccando nella notifica il link “I understand the risk, take me there anyway”.

Bitdefender TrafficLight non è invasivo fra l’altro. Infatti una volta installato sul browser andrà a posizionare la sua icona accanto alla barra degli indirizzi internet che in base al colore notificherà visivamente all’utente informazioni di sicurezza riguardo la pagina web sulla quale ci si trova (come nell’esempio sotto in figura):

Bitdefender TrafficLight icona estensione

Quando l’icona di Bitdefender TrafficLight è di colore verde significa che la pagina internet in questione è sicura (Safe page); al contrario il colore sarà rosso. Inoltre cliccando l’icona, nella finestra popup informativa che verrà visualizzata, sotto la voce “Details” si potranno vedere anche gli eventuali tracker presenti nella pagina web. I tracker non sono dannosi e perlopiù sono dovuti ai widget di iscrizione ai social network come Facebook, Google+, Twitter, e a prodotti come Adsense e simili presenti ormai in tutti i siti internet. La loro funzione è quella di monitorare (tracciare) la navigazione degli utenti al fine di mostrare loro contenuti più mirati e di interesse. Ad ogni modo se si preferisce non essere monitorati in tal senso ci sono estensione per il browser apposite con le quali bloccare il tracciamento, come DoNotTrackMe per Chrome e Firefox.

Infine Bitdefender TrafficLight si integra anche nei risultati di ricerca, di Google e Bing ad esempio, al fine di segnalare preventivamente già da questa posizione se un sito o pagina web è dannosa prima di accedervi:

Bitdefender TrafficLight icona risultati ricerca

Anche in questo caso vale la regola di fare riferimento al colore dell’icona del componente aggiuntivo, la quale, come prima accennato, se è verde significa che che il sito corrispondente è sicuro, se è rossa invece quella pagina web non è sicura.

Download Bitdefender TrafficLight

LEGGI ANCHE: Consigli per non prendere virus da internet che infettano il PC.

2 commenti

Chissà perchè continuano a fare questo tipo di estensioni tagliando fuori Internet Explorer, che invece è usato (a mio parere) proprio dagli utenti che più ne avrebbero bisogno.
Sono snob gli sviluppatori o sono censòri in microsoft?

Rispondi

Pienamente daccordo con te perché IE è il browser installato come predefinito su Windows, dunque il primo e in alcuni casi (utenti base) anche l'unico che verrà utilizzato per navigare su internet. Io credo che dovrebbe essere la Microsoft a incentivare maggiormanete lo sviluppo dei componenti aggiuntivi per il suo browser e creare una galleria ricca come quella di Chrome e Firefox, che fra l'altro comporterebbe anche un maggior successo del browser stesso.

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati