Recuperare file da unità di memoria danneggiata agendo dal prompt dei comandi

Recuperare file da unità di memoria danneggiata agendo dal prompt dei comandi

Per recuperare i file cancellati da un hard disk o da unità di memoria esterna come ad esempio chiavette USB, schede SD e via dicendo, in questo articolo abbiamo già visto una raccolta di programmi gratis per farlo.

Nel caso in cui il drive di memoria risulti essere danneggiato, ovvero non si riesce più ad accedere all’intera partizione dunque ad alcuni dati in esso memorizzati, è comunque possibile tentare di recuperare i file senza servirsi per forza di software esterni bensì del prompt dei comandi di Windows, oppure combinando l’impiego di entrambi i metodi. Sotto a seguire andiamo dunque a vedere come recuperare file da una unità di memoria danneggiata agendo dal prompt dei comandi.

1. Aprire Start>Esegui (la finestra Esegui si può aprire anche con la combinazione dei due tasti Windows+R), digitare il comando cmd (come nell’esempio sotto in figura):

Finestra Esegui comando cmd

e confermare cliccando il pulsante OK oppure premendo Invio nella tastiera.

2. A seguire verrà così aperta la finestra del prompt dei comandi nella quale come nell’esempio sotto in figura:

Recupero file da prompt dei comandi da unità di memoria danneggiata

nella prima riga subito dopo il NomeUtente> senza alcuno spazio si dovrà digitare il comando chkdsk lettera-unità: /r che in riferimento all’immagine qui sopra, sottolineato in verde, diventa chkdsk j: /r, ovvero la “j” corrisponde alla lettera assegnata dal PC alla mia chiavetta USB, informazione reperibile da Risorse del computer.

Nello specifico chkdsk (Checkdisk) ha il compito di eseguire il controllo di errori nella struttura del file system dell’unità di memoria in questione; mentre /r ha il compito di individuare i settori danneggiati recuperando da essi i dati ancora leggibili.

Immesso il comando confermare premendo Invio. Subito dopo avrà inizio la verifica dei file e delle cartelle, procedura che potrebbe durare qualche minuto a seconda della dimensione del drive di memoria sottoposto. Nel caso in cui durante la verifica venissero rilevati dei “collegamenti errati nel concatenamento perso al cluster”, alla domanda  “Convertire i concatenamenti persi in file <S/N>?” (indicata dalla freccia gialla) rispondere affermativamente digitando la lettera S e confermando premendo Invio.

A seguire avrà così inizio la correzione del file system e il recupero dei file leggibili dai settori danneggiati individuati. Terminato il tutto non resta che andare in Risorse del computer, accedere all’unità di memoria in questione per verificare al suo interno quali file sono stati recuperati.



5 commenti

grazie !

Rispondi

Ciao ho fatto tutto il procedimento descritto qui ma quando inserisco chkdsk f: /r e premo invio mi compare la frase: "Impossibile aprire il volume per accesso diretto".
Cosa devo fare?

grazie in anticipo!

Rispondi

Ciao anonimo, ma la f corrisponde alla lettera dell'unità sulla quale devi intervenire? Purtroppo il metodo è questo non ci sono altri comandi alternativi.

Rispondi

Grazie...avete salvato la mia memoria esterna e soprattutto i miei 500MB di files.

Rispondi

Posta un commento

Per sapere quando è stata pubblicata una risposta al tuo commento puoi ricevere una notifica selezionando Inviami notifiche (eccetto chi commenta come Anonimo). I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati.