Scaricare i video caricati su YouTube usando Google Takeout

Scaricare i video caricati su YouTube usando Google Takeout

Per scaricare i video da YouTube ormai tutti sanno come fare servendosi di programmi appositi, servizi online e componenti aggiuntivi per Chrome e Firefox.

Ma gli utenti che hanno caricato filmati su YouTube, dunque che dispongono di un account YouTube/Google, per fare il download dei video che hanno caricato sul proprio canale possono servirsi anche di Google Takeout. Ovvero il noto servizio di Google che permette ad ogni utente di scaricare nel computer i dati del proprio account, dunque i file e i contenuti immessi nei vari servizi Google come ad esempio YouTube appunto, Picasa, Buzz, Google Drive, Google Voice, Contatti e via dicendo.

1. Il procedimento è piuttosto semplice. Dopo aver effettuato l’accesso al proprio account Google, collegarsi con il servizio Google Takeout raggiungibile a questo indirizzo.

2. Selezionare la scheda Scegli i servizi e tra quelli messi a disposizione cliccare YouTube. Subito dopo (come nell’esempio sotto in figura):

Google Takeout creare archivio scaricabile dei video caricati su YouTube

verrà rilevato il numero dei video caricati sul proprio canale YouTube (File previsti) e verrà calcolata la dimensione prevista totale dei file; nel mio caso 19 filmati per una dimensione totale di 1,8 GB.

3. Proseguire cliccando il pulsante CREA ARCHIVIO che in automatico rimanderà alla scheda Download. Come nell’esempio sotto in figura:

Google Takeout elaborazione e download dei video caricati su YouTubel’archivio (.zip) verrà prima elaborato e una volta completata l’elaborazione lo si potrà scaricare nel computer facendo clic sul pulsante Download. Al termine dell’elaborazione si potrà notare che la dimensione effettiva dell’archivio è decisamente inferiore a quella prevista, il che non guasta. Una volta estratti i video dall’archivio (che come nome avrà l’indirizzo email associato all’account), è probabile che alcuni filmati siano sprovvisti di estensione; in tal caso la si dovrà aggiungere manualmente rinominando il filmato e subito dopo il nome aggiungere il formato .avi oppure .flv, .mp4 oppure .mpg.

L’unico difetto di questa procedura è che esegue il download di tutti i video caricati senza dare invece la possibilità all’utente di poter selezionare solo quelli desiderati; accorgimento che magari potrebbe essere implementato con gli aggiornamenti futuri del servizio.

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati