Computer portatile o tablet? Cosa scegliere tra i due?

Con il lancio dell’iPad da parte della Apple si è ufficialmente aperta l’era dei tablet, dispositivi che a detta di molti in futuro andranno a soppiantare i computer siano essi PC da tavolo o portatili come i notebook e netbook.

Tante sono le valide caratteristiche che rendono i tablet dei dispositivi interessanti. Per citare le principali ad esempio: le dimensioni contenute, decisamente più leggeri, in quanto touchscreen sprovvisti di mouse e tastiera dunque facilmente trasportabili, schermi qualitativamente superiori e perciò meglio adatti all’intrattenimento (vedi il display Retina dell’iPad), maggiore autonomia della batteria, processore a basso consumo, non sono rumorosi in quanto per il raffreddamento non prevedono alcuna ventola di aerazione.

I tablet è vero sono ormai uno status symbol, avere un iPad o una tavoletta simile è di moda, è trendy, un bel oggetto da far vedere agli amici e parenti. Ma se si dovesse scegliere tra un computer portatile e un tablet, tra questi due a quale sarebbe meglio optare? A questa domanda ci si risponde con un altra domanda, ovvero “Di cosa ho bisogno?” Vediamo cosa può fare un computer e cosa può fare un tablet.

LEGGI ANCHE: I PC non stanno morendo, ecco perché

Tablet o Notebook?

Compiti e software

Partendo appunto dai compiti, se si passa a un tablet ci si dovrà scordare tantissime operazioni comuni che nel tempo ci si è abituati a fare al computer. Ad esempio non si potranno più masterizzare CD e DVD, i tablet non hanno il masterizzatore (ecco un altro motivo del perché della loro leggerezza). Su i tablet non si potranno usare o sostituire in eguale praticità e funzionalità programmi e software di vario genere come ad esempio quelli per creare montaggi video, applicativi aziendali per lavorare in CAD ad esempio, videogame di ultima generazione, e in generale tantissimi software complessi ma anche semplici che su i computer aiutano a svolgere utili compiti talvolta non di secondaria importanza.

Capacità

Diversi tablet vengono venduti con un tot fisso di capacità di memoria interna non espandibile con scheda SD (l’iPad), ad esempio da 8-16 GB per i modelli più economici. Spazio che potrebbe finire quasi immediatamente se sul dispositivo si importa una collezione musicale o video e si installano app pesanti.

Schermo

E’ vero che lo schermo dei tablet è qualitativamente superiore a quello dei computer, ma è anche vero che è nettamente più piccolo, dunque guardare film, navigare internet, giocare i videogame e via dicendo potrebbe in alcune circostanze non soddisfare a pieno le esigenze per l’intrattenimento.

Tastiera

Essendo dispositivi con tecnologia touch-screen non c’è la tastiera e neanche il mouse. Lo schermo touch può andare bene per pigiare pulsanti di tanto in tanto, magari per interagire con un videogioco scaricato dallo Store, aprire cartelle e siti web, postare qualche riga su Facebook e via dicendo. Ma se si tratta di scrivere testi di una certa lunghezza, la tastiera touch dei tablet non è sicuramente una bella esperienza, anzi. Inoltre non essendoci il mouse/touchpad compiti banali come Copia e Incolla potrebbero rivelarsi frustranti e non immediati come si è abituati con il computer.

Prezzo

E nonostante tutto i tablet di fascia alta possono costare anche più di un computer portatile (dai 400 – 700). Con 600-700 euro si può acquistare un notebook decisamente potente, magari con processore i7 QuadCore, scheda video da 2 GB, memoria RAM da 8 GB, hard disk da 1 TB, e schermo da 20 e più pollici.

Conclusione

Sicuramente i tablet sono dei dispositivi di notevole successo, per diversi aspetti del tutto meritato, ma che ancora non possono rimpiazzare i computer. Sostituire il computer con il tablet è una scelta che per ora può andare bene a quelle persone che svolgono compiti base come inviare email, navigare internet, aggiornare Facebook, guardare video su YouTube, ascoltare musica e usare giochini.

Chi invece ha altre esigenze al di fuori di queste, può acquistare un tablet in complemento a un computer ma non in sostituzione, in modo tale che se ad esempio è necessario masterizzare un disco o svolgere compiti e lavori di una certa portata che richiedono l’utilizzo di determinati software e device esterni e potenza di calcolo, abbia comunque a disposizione la giusta macchina che gli consenta di farlo. Al momento un adeguato compromesso tra tablet e notebook possono essere dispositivi come l’ ASUS Eee Pad Transformer Prime e l’ ASUS PadFone.

LEGGI ANCHE: Caratteristiche che deve avere un computer buono da comprare nuovo

2 commenti

Questo articolo mi è stato particolarmente di aiuto.

Rispondi

Utilissimo grz

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati