Ottimizzare le prestazioni del disco SSD per aumentare la durata con SSD Fresh

Ottimizzare le prestazioni del disco SSD per aumentare la durata con SSD Fresh

I dischi SSD (unità a stato solido) in modo particolare si differenziano dai comuni hard disk per la capacità di memorizzare i dati in modo non volatile e per il fatto di essere più sicuri dal punto di vista della sicurezza dei dati in quanto al loro interno non c’è alcun disco magnetico o di altra tipologia, componente invece presente negli hard disk classici e che nel tempo possono andare incontro a danneggiamento con conseguente perdita dei dati.

Di contro le unità SSD potrebbero avere una durata più breve in quanto sono caratterizzati da un numero limitato di riscritture delle memorie flash.

Dunque nonostante la minore possibilità di rottura ciò nonostante anche le unità SSD nel tempo potrebbero andare incontro a malfunzionamenti se trascurati. Se per quanto riguarda i normali hard disk abbiamo già elencato i programmi gratis per riparare i guasti a seguire andremo invece a parlare del programma gratis SSD Fresh sviluppato specificamente per ottimizzare le prestazioni delle unità di memoria SSD con lo scopo di aumentare la loro durata.

Facile da usare, una volta installato e avviato SSD Fresh si presenterà con questa interfaccia grafica (sotto in figura):

SSD Fresh

nella quale si deve cliccare il pulsante Optimization evidenziato in fucsia per accedere alla lista delle ottimizzazioni disponibili. Nello specifico è possibile ottimizzare:

Timestamp – Di default Windows archivia in memoria la data di accesso ai file producendo una scrittura dei dati non necessaria che nel tempo potrebbe ridurre la durata dell’unità SSD. Con questa ottimizzazione è possibile disattivare il timestamp con il fine di allungare la vita dell’unità SSD.

Prefetch – Il prefetch supporta il precaricamento RAM delle applicazioni usate più di frequente rendendo l’accesso più rapido nelle unità SSD. Dato che le unità SSD accedono nativamente alle applicazioni più velocemente rispetto ai normali hard disk, sempre al fine di prolungare la vita dell’unità questa ottimizzazione consente di disabilitare tale funzione.

Defragmentation of boot files – Dato che le unità SSD non hanno bisogno di deframmentazione, questa ottimizzazione la disattiva al fine di prolungare la durata dell’unità SSD.

Windows event logging – Windows è solito registrare permanentemente i cambiamenti riguardo la configurazione di sistema e tale funzione nelle unità SSD da luogo a scrittura di dati non necessaria. Questa ottimizzazione disattiva tale funzione.

Systemrestore – Sono i punti di ripristino che Windows crea all’installazione di un nuovo programma o in seguito a qualche modifica di sistema in maniera tale da poter ripristinare il tutto a com’era prima nel caso in cui qualcosa non dovesse più funzionare. Tale operazione produce processi di scrittura e con questa ottimizzazione si potrebbe disattivarlo nel caso in cui si adopera qualche tool di backup.

8.3 name creation – Per la compatibilità con le vecchia applicazioni DOS a 16-bit, Windows crea nomi brevi per i file e le cartelle dando luogo ad aggiuntivi processi di scrittura sull’unità SSD. Dato che le applicazioni attuali non hanno bisogno di tale compatibilità, questa ottimizzazione consente di disattivare la funzione.

Le ottimizzazioni si possono eseguire singolarmente cliccando il pulsante Optimize evidenziato in verde, relativo a quella di proprio interesse. Oppure si possono eseguire tutte insieme cliccando il pulsante Optimize Optimize all settings evidenziato in rosso. In ogni momento è comunque possibile ripristinare l’unità SSD allo stato originario (senza le ottimizzazioni), cliccando il pulsante Restore Restore all backups evidenziato in blu.

Compatibile con Windows: XP, Vista e 7

Dimensione: 2.10 MB

Download SSD Fresh

3 commenti

Ho scoperto poche ore fa l'esistenza di questi hd,mentro ero alla ricerca di un modello di raptor non molto rumoroso.
Sebbene elogiato da alcuni non mi convince questo tipo di archiviazione,da quanto ho letto non solo ha vita minore,con il tempo pare che le prestazioni diminuiscano.

Rispondi

Si è vero. Le unità SSD rispetto agli HD classici sono più veloci nel richiamare file, software e dati in generale; non sono rumorosi quanto gli HD, su Wikipedia si dice siano anche più resistenti agli urti, credo si riferiscano al fatto che non avendo un disco al loro interno non subiscono danneggiamento in tal senso; non si riscaldano eccessivamente e via dicendo.

Di contro però e secondo mo molto importante, hanno riscritture limitate, dunque come dici tu vita minore rispetto agli HD classici e perdita delle prestazione quando la vita dell'unità sta per finire. Ho letto che comunque stanno lavorando per rimediare a questi inconvenienti. Quando avranno risolto passerò sicuramente a queste unità di archiviazione.

Rispondi

il problema di vita degli SSD è da qualche anno superato, ora con il TRIM e le nuove nand, la vita media di un SSD è molto aumentata
E comunque, anche quando l'SSD dopo magari un paio d'anni di utilizzo comincia a essere "sporco" è comunque più veloce di un HD normale :)

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati