Memorizzare le password sul PC in modo sicuro con Pault

Per memorizzare le credenziali di accesso ai vari siti e servizi internet ai quali ci si è registrati è ad esempio possibile salvarle sul browser in modo tale che vengano ricordate e inserite in automatico senza invece doverle digitare manualmente ogni volta. Questo metodo però per ovvi motivi di sicurezza non va bene se il computer viene usato anche da altre persone che di conseguenza avrebbero libero accesso a tali dati privati.

Un altro buon metodo potrebbe essere di scrivere su un agenda le password e le email di accesso, ma anche in questo caso se l’agenda venisse rinvenuta da qualcuno la nostra privacy risulterebbe ugualmente compromessa.

Ecco allora che la soluzione ideale si rivela in un password manager, ovvero un programma criptato da una master password di accesso dove al suo interno è possibile inserire e custodire in tutta sicurezza le credenziali di accesso ai vari siti e servizi internet ai quali ci si è registrati come ad esempio Facebook, Twitter, ebay, il sito delle poste, quello della propria banca e via dicendo.

Per quanto riguarda i password manager abbiamo già parlato dell’ottimo e freeware Password Safe. Adesso per lo stesso scopo andremo invece a conoscere un’altra valida risorse che consiste nell’applicazione gratuita Pault. Questo software per Windows è facile da usare e non richiede neanche installazione. Dopo averlo scaricato nel computer è bene inserirlo all’interno di una Nuova cartella creata appositamente e rinominata con lo stesso nome del programma.

Dunque una volta avviato, facendo doppio clic sul l’eseguibile Pault-0.1.exe verrà richiesto di settare la master password (la password madre) che proteggerà l’accesso al programma da parte degli utenti non autorizzati (come nell’esempio sotto in figura):

Pault settare la master password

dove la master password va digitata all’interno dell’area evidenziata in rosso (una parola chiave facile da ricordare) e va confermata cliccando il pulsante Submit. Nell’interfaccia grafica del programma che subito dopo verrà visualizzata:

Pault aggiungere account

cliccare il pulsante Add New per inserire tramite la finestra Add a new password uno alla volta gli account che si desidera memorizzare al PC in modo sicuro, indicando la descrizione, l’username o indirizzo email e la password associati. Confermare cliccando il pulsante Add New Password. In questo modo ogni volta che si accederà a Pault, dopo aver digitato la master password di sblocco, in lista verranno visualizzate tutte le credenziali di accesso ai siti internet sui quali ci si è registrati. Ovviamente chi non conosce la password madre non potrà mai usare il programma quindi non potrà scoprire i dati in esso salvati.

Nel caso in cui si volesse cambiare la master password, nella barra degli strumenti di Pault si deve cliccare Manage Passwords>Change Master e inserire quella nuova. Dopo aver chiuso il programma, all’interno della sua cartella verrà generato un file criptato dal nome pwrds.list (sotto in figura):

Pault file pwrds.list

assolutamente da non cancellare in quanto conserva le credenziali che si è memorizzato fin ora su Pault; infatti eliminando questo file tutti i dati di accesso salvati andranno persi e si dovrà reinserirli nuovamente da capo.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7 e 8 (è richiesto Microsoft .NET Framework 3.5 o superiore)

Dimensione: 428 KB

Download Pault

2 commenti

Vinnie ciaooooo non riesco a starti dietro trovi ogni giorno qualcosa d'interessante e se vai a vedere sul mio post in merito al ripristino vecchio programma vedrai alcuni commenti che si riferiscono ovviamente alla tua pagina che devono per forza andarci sia per scaricare che leggere il tutorial...anche questo favoloso specialmente per me che pur annotando poi non trovo il....pizzino :-(( - ciaooo buona fine settimana.
Edvige

Rispondi

Ciao Edvige, troppo gentile ;) Anche io ho abbandonato i "pizzini" e mi sto servendo di un password manager. Buon fine settimana anche a te

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati