Come bloccare siti internet per adulti sul computer in modo automatico – FamilyShield

Come bloccare siti internet per adulti sul computer in modo automatico - FamilyShieldQuando il computer viene utilizzato anche dai bambini per accedere a internet, è molto probabile che prima o poi si imbattano involontariamente in qualche sito internet per adulti.

Per proteggere i più piccoli da questa eventualità, abbiamo già parlato di alcune risorse gratis per bloccare e impedire l’accesso ai siti internet indesiderati e indicati manualmente dall’utente, come ad esempio: Any Weblock, LeechBlock, Easy Website Blocker, BlockSite, Website Blocker.

Tutte le risorse appena citate richiedono che sia l’utente (il genitore ad esempio) a dover indicare manualmente i siti internet da bloccare e dato che non sono pochi, qualcuno di questi potrebbe sfuggire e risultare così raggiungibile dal bambino.

A questo problema però vi si pone rimedio facilmente adoperando i server DNS di FamilyShield tramite i quali, una volta applicati alla proprio connessione, i siti internet pornografici verranno bloccati in automatico non appena si tenterà il collegamento.

Gli indirizzi server DNS di FamilyShield infatti fanno riferimento a una vasta lista di siti web non adatti all’utenza troppo giovane automatizzando così il blocco di tali contenuti. Essi si possono settare sul router oppure sul PC.

I server DNS FamilyShield sono i seguenti due:

208.67.222.123

208.67.220.123

Sotto a seguire andiamo a vedere come settarli su Windows XP.

1. Collegarsi con questa pagina web e cliccare Router o Computer a seconda di dove si desidera settare tali server DNS di FamilyShield.

2. Nella pagina che verrà visualizzata, nel caso in cui si abbia scelto di settarli sul PC, sarà possibile ottenere le istruzioni per settare i DNS su varie versioni di Windows, Mac, Linux, Wii e alcuni dispositivi mobili, cliccando quello di proprio interesse.

3. Nel caso di Windows XP si deve entrare in Start>Pannello di controllo>Connessioni di rete, fare doppio clic sulla connessione internet in uso e nella finestra che verrà visualizzata cliccare il pulsante Proprietà. Dunque come nell’esempio sotto in figura:

Protocollo Internet (TCP/IP) connessione internet

selezionare il componente Protocollo Internet (TCP/IP) e cliccare il pulsante Proprietà. Nella finestra Proprietà – Protocollo Internet che verrà visualizzata, come nell’esempio sotto in figura:

Proprietà – Protocollo Internet digitare i server DNS FamilyShield

selezionare la voce Utilizza i seguenti indirizzi server DNS e in Server DNS preferito digitare 208.67.222.123 in Server DNS alternativo digitare 208.67.220.123; confermare cliccando OK.

4. Riavviare il browser e collegarsi con questa pagina web. Se come nell’esempio sotto in figura:

Conferma corretta configurazione DNS FamilyShield sulla connessione internet in uso

compare il messaggio Your family is now protected! allora vuol dire che i server DNS FamilyShield sono stati correttamente applicati alla connessione, dunque la navigazione internet da ora in avanti è automaticamente protetta dall’apertura accidentale o volontaria dei siti pornografici che di fatto verranno appunto bloccati. Per fare un test veloce basta infatti provare a connettersi a qualche sito web per adulti per verificare subito il blocco (come nell’esempio sotto in figura):

Esempio sito pornografico bloccato automaticamente da FamilyShield

Per rimuovere la limitazione basterà eliminare i server DNS FamilyShield applicati alla connessione internet in uso.

LEGGI ANCHE: Navigazione siti internet sicura per bambini con DNS Angel.



2 commenti

ciao sono ale .
come posso fare con windows 7?

pero lo stesso procedimento con dns

Rispondi

Ale ciao, allo stesso modo, entra nel Pannello di controllo e in Internet cerca le propietà della connessione quindi segui la guida di sopra.

Rispondi

Posta un commento

Per sapere quando è stata pubblicata una risposta al tuo commento puoi ricevere una notifica selezionando Inviami notifiche (eccetto chi commenta come Anonimo). I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati.